LIFE09/NAT/IT/000149
» Pascolo innevato con pista di canide di dimensioni medio-grandi (Ph. M. Caldarella - Arch. CSN Onlus)

Buon anno nuovo dal Parco nel pieno dell'inverno

Il Parco ricoperto di neve tra fine anno e inizi 2015
Il monitoraggio faunistico del Progetto LIFE+


07 Gennaio 2015 | di Redazione lifeboscoincoronata

Una improvvisa ondata di freddo proveniente dall'Artico si è abbattuta proprio negli ultimi giorni del 2014 sulla Capitanata. Mentre fino a qualche giorno prima neanche si percepiva l'aria invernale, con la giornata di Natale con temperature primaverili, d'improvviso una coltre bianca ha ricoperto tutta la provincia.
Il Bosco dell'Incoronata non è stato da meno e circa 10 centimetri di neve hanno ricoperto l'intera area dal 30 dicembre al giorno di capodanno.
Le immagini testimoniano la situazione e le difficoltà per la fauna che d'improvviso ha dovuto affrontare temperature rigidissime e gelo, con la conseguente difficile impresa di procurarsi il cibo.
Gli uccelli si accalcavano nelle poche aree meno innevate e, nell'area destinata alla ricostituzione del pascolo mediterraneo, i semi della vegetazione erbacea hanno costituito una insostituibile riserva di cibo per le specie erbivore. Verzellini, cardellini, saltimpali, allodole, nonchè lepri, volpi e rapaci si sono affollati in quest'area per alimentarsi.
Le piste delle lepri lasciano intuire come il bosco sia il loro rifugio principale nei periodi più freddi, qui anche il dubbio della presenza del lupo testimoniata da una traccia solitaria lasciata nella neve (nella foto, vicino ad un perastro).
Sciolta la neve, nella serata del 2 gennaio si è proceduto anche ai conteggi di gufo comune al dormitorio presente nel Parco. Purtroppo, come negli ultimi anni, anche questa volta pochi esemplari, sono stati contati solo una ventina di questi splendidi rapaci notturni.
Da alcuni anni infatti si è registrato un notevole decremento numerico rispetto anche a solo 5-6 anni fa quando la popolazione di gufo comune svernante nel Parco contava fino a 80-90 esemplari.
In questi ultimi giorni le basse temperature provocano frequenti gelate che mettono a dura prova la resistenza della fauna, in particolare delle specie di piccole dimensioni.

» Strada di accesso verso il Santuario (Ph. M. Caldarella - Arch. CSN Onlus) » Una delle bat box del Progetto Life mentre nevica (Ph. M. Caldarella - Arch. CSN Onlus) » Il Santuario visto dai pascoli del Parco (Ph. M. Caldarella - Arch. CSN Onlus) » Allodola (Ph. M. Caldarella - Arch. CSN Onlus) » Saltimpalo (Ph. M. Caldarella - Arch. CSN Onlus) » Verzellini e Cardellini (Ph. M. Caldarella - Arch. CSN Onlus) » Pista di Lepre (Ph. M. Caldarella - Arch. CSN Onlus) » Il Torrente Cervaro (Ph. M. Caldarella - Arch. CSN Onlus) » Sessione di conteggio di gufo comune (Ph. M. Caldarella - Arch. CSN Onlus)

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO: